CODICE ETICO ED ORGANISMO DI VIGILANZA 

 Il presente Codice Etico è lo strumento predisposto da Lormar S.r.l. (da ora anche Società)  per definire l'insieme di valori di etica aziendale che la Società riconosce, accetta e condivide e  l'insieme di responsabilità che Lormar ed i rispettivi collaboratori assumono nei rapporti interni ed  esterni.  

 Lormar s.r.l. riconosce l'importanza della responsabilità etico-sociale, della qualità dei propri  prodotti, della salvaguardia ambientale e della salute e sicurezza dei lavoratori nella conduzione  degli affari e delle attività della Società e, a tal fine, promuove una gestione di quest'ultima orientata  al bilanciamento dei legittimi interessi dei propri stakeholders e della collettività in cui opera. Il  Codice è, pertanto, improntato ad un ideale di cooperazione e di rispetto di tutti gli interessi delle  parti coinvolte.  

 Sono da considerarsi stakeholders di Lormar s.r.l. le risorse umane (dipendenti e  collaboratori), i clienti, i soci, i fornitori, la pubblica amministrazione, la collettività e, in senso  allargato, tutti i soggetti coinvolti, direttamente e/o indirettamente, nelle attività della Società.   Nell'ambito del sistema di controllo interno, il Codice Etico costituisce (ai sensi degli artt. 6  e 7 del D.Lgs. 231 del 2001 e delle “Linee Guida per la costruzione dei modelli di organizzazione,  gestione e controllo ex D.Lgs. 231/01” emanate da Confindustria il 7 marzo 2002, successivamente  aggiornate, con approvazione ministeriale in data 2 aprile 2008 e, infine, aggiornate nel corso  dell'anno 2014; oltre che dei “Principi consolidati per la redazione dei modelli organizzativi e  l’attività dell’organismo di vigilanza e prospettive di revisione del d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231”,  approvati nell’anno 2019), tra l'altro, presupposto e riferimento del Modello di organizzazione,  gestione e controllo di Lormar s.r.l. (di seguito il “Modello”) e del sistema sanzionatorio ivi  previsto.  

 La verifica sull’attuazione del Codice Etico e sulla sua concreta applicazione è di  competenza dall'Amministrazione di Lormar s.r.l. e del management aziendale, il quale potrà farsi  anche promotore di proposte di integrazione o modifica dei contenuti. È compito dell'Organo  amministrativo aggiornare il Codice Etico al fine di adeguarlo alla eventuale nuova normativa ed  alla evoluzione della sensibilità civile.  

 Per quanto riguarda, in particolare, i reati previsti dal D.lgs. 231/01, viene istituito un  Organismo di Vigilanza (d'ora in poi anche OdV) che verifica il funzionamento e l'osservanza del  Modello per la prevenzione dei suddetti reati. L'Organismo di Vigilanza è libero di accedere a tutte  le fonti di informazione della Società, ha facoltà di prendere visione dei documenti e consultare  dati, suggerisce eventuali aggiornamenti del Codice Etico e del Modello, anche sulla base delle 

2  

segnalazioni fornite dai dipendenti. Allo scopo di garantire l'effettività del Modello, Lormar – nel  rispetto della privacy e dei diritti individuali – predispone canali di informazione tramite i quali tutti  coloro che vengano a conoscenza di eventuali comportamenti illeciti posti in essere all'interno della  Società, o di eventuali criticità del Modello, possano riferire liberamente, in maniera riservata,  direttamente all'Organismo di Vigilanza. 

MISSIONE E VISIONE ETICA DI LORMAR S.R.L. 

  

 Lormar s.r.l. è una società di capitali, nella forma della società a responsabilità limitata. La  società è attualmente amministrata da un Amministratore Unico, Lorenzo Martinelli.   Lormar s.r.l. è attiva principalmente nell’attività di produzione e commercializzazione di  abbigliamento intimo, mare e pigiameria, distribuendo tali prodotti prevalentemente sul mercato  nazionale e, solo in parte, estero.  

 Come da visura, la Società può compiere operazioni finanziarie, assumere partecipazioni in  altre società od enti e, inoltre, l’Amministrazione può prestare garanzie (mobiliari o finanziarie)  necessarie per il conseguimento dell’oggetto sociale. Si specifica che, in ogni caso, restano  espressamente escluse dalle principali attività della Società le operazioni puramente finanziarie, tra  le quali rientrano quelle di gestione ed intermediazione, le attività riservate a soggetti appositamente  abilitati, iscritti a collegi, ordini od albi o per le quali esistano riserve legislative ovvero  regolamentari nonché, infine, tutte le attività di cui al D.Lgs. 385/93.  

 L’Amministratore Unico della Società è investito dei più ampi poteri ai fini  dell’amministrazione ordinaria e straordinaria e, pertanto, può compiere gli atti opportuni per  l’attuazione delle attività sociali ad eccezione di quelle che la legge o i patti sociali riservano  espressamente ai soci.  

 Lormar s.r.l. lavora per garantire un elevato standard qualitativo in riferimento ad ogni suo  prodotto, attraverso l'oculata scelta dei materiali, da fornitori selezionati ed in grado di garantire la  provenienza del prodotto.  

 Lormar s.r.l., inoltre, nel pieno rispetto della soddisfazione dei propri clienti, si affida  esclusivamente a fornitori selezionati attraverso procedure di scelta improntate al rispetto della  trasparenza e del privilegio dell'interesse del consumatore.  

 La visione etica della Società non può prescindere da alcuni, basilari principi:  - operare secondo i principi della qualità e della prevenzione di vizi e sinistri, così da fornire un  prodotto ed un servizio costanti nelle proprie caratteristiche, sicuri e garantiti;  - razionalizzare la gestione aziendale in tutte le sue aree; 

3  

- riconoscere un ruolo irrinunciabile a formazione e coinvolgimento di tutto il personale (che, in  forza ed in virtù di questo principio, è costantemente sottoposto a percorsi ed aggiornamenti  formativi);  

- integrare, negli obiettivi di efficacia ed efficienza, i principi di sviluppo sostenibile ed eco compatibile e della prevenzione degli infortuni sul lavoro, presupposti irrinunciabili per la presenza  responsabile e duratura all'interno del mercato.  

DESTINATARI ED AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE ETICO   

 I destinatari del Codice Etico sono il CdA, i dipendenti e i collaboratori della Società,  nonché tutti coloro che, direttamente o indirettamente, stabilmente o temporaneamente, instaurano  rapporti o relazioni con Lormar s.r.l. Essi si impegnano al rispetto delle disposizioni del presente  Codice Etico all'atto dell'accettazione della carica, ovvero all'atto della sottoscrizione del contratto  di lavoro o, comunque, sin dall'inizio della collaborazione con la Società, e per tutto il periodo in  cui essi svolgeranno attività presso o nell'interesse della stessa.  

 A fronte di ciò, Lormar promuove la più ampia diffusione del Codice presso tutti i soggetti  interessati, la corretta interpretazione dei suoi contenuti, e fornisce gli strumenti più adeguati per  favorirne l'applicazione.  

 La Società mette in atto, inoltre, le necessarie misure al fine di svolgere attività di verifica e  monitoraggio dell'applicazione del Codice stesso. A questo scopo è stato individuato un apposito  Organismo di Vigilanza, con compito, tra gli altri, di vigilare sull'applicazione del Codice Etico.  

PRINCIPI DI RIFERIMENTO 

Rispetto della Legge 

 Conformità alle leggi, trasparenza e correttezza gestionale, fiducia e cooperazione con gli  stakeholders sono i principi etici cui Lormar s.r.l. si ispira e da cui deriva i propri modelli di  condotta, al fine di competere efficacemente e lealmente sul mercato, migliorare la soddisfazione  dei propri clienti, accrescere il valore per i soci e sviluppare le competenze e la crescita  professionale delle proprie risorse umane.  

 A tale fine, Lormar s.r.l. esige dai propri soci, Amministratori e dipendenti in genere (anche  in caso di modificazioni della compagine sociale), nonché da chiunque svolga, a qualsiasi titolo,  funzioni di rappresentanza, anche di fatto, il rispetto della legislazione e di tutte le norme vigenti e  dei principi e procedure a tale scopo preordinate, nonché comportamenti eticamente corretti, tali da 

4  

non pregiudicarne l'affidabilità morale e professionale.  

 Lormar s.r.l., inoltre, si conforma e rispetta anche tutti gli obblighi ulteriori nascenti da fonti  normative contrattuali e di categoria.  

Onestà 

 L'onestà rappresenta il principio fondamentale per tutte le attività di Lormar s.r.l., le sue  iniziative, i suoi rendiconti, le sue comunicazioni e costituisce elemento essenziale della gestione.  I rapporti con gli stakeholders sono improntati a criteri e comportamenti di correttezza,  collaborazione, lealtà e reciproco rispetto.  

Trasparenza e completezza dell'informazione 

 Lormar s.r.l. riconosce il valore fondamentale della corretta informazione ai soci, agli organi  ed alle funzioni competenti, in ordine ai fatti significativi concernenti la gestione societaria,  aziendale e contabile.  

Correttezza nella gestione societaria e nell'utilizzo delle risorse 

 Lormar s.r.l. persegue il proprio oggetto sociale nel rispetto della legge, dello Statuto e dei  regolamenti sociali, assicurando il corretto funzionamento degli organi sociali e la tutela dei diritti  patrimoniali e partecipativi dei propri soci, salvaguardando l'integrità del capitale sociale e del  patrimonio. 

Riservatezza delle informazioni 

 Lormar s.r.l. assicura la riservatezza delle informazioni in proprio possesso e si astiene dal  ricercare dati riservati attraverso mezzi illegali.  

 Lormar s.r.l. fa propria inoltre l'osservanza della normativa in materia di protezione dei dati  personali di cui al GDPR, Regolamento UE 679/2016. In particolare, la Società si impegna a  formalizzare – in un separato documento, che costituirà un allegato al Modello – le procedure di  raccolta, conservazione e gestione dei dati personali in conformità ai nuovi principi di privacy by  design e di privacy by default, in un'ottica di generale responsabilizzazione del titolare dei dati.  Quanto appena specificato vale altresì, ed anzi a priori, per quanto attiene ai dati sanitari di  dipendenti, fornitori, clienti e stakeholders in genere, di cui Lormar s.r.l. sia venuta in possesso a  seguito delle procedure poste in atto per prevenire il contagio e la diffusione da Covid-19.  

 Tutte le informazioni a disposizione di Lormar s.r.l. vengono comunque trattate nel rispetto  della riservatezza e della privacy dei soggetti interessati. 

5  

 Nell'ambito delle diverse relazioni con la società o con i suoi interlocutori, i destinatari del  presente Codice devono astenersi dall'utilizzare informazioni riservate e non di dominio pubblico,  delle quali siano venuti a conoscenza per ragioni d'ufficio e/o professione, per scopi personali e,  comunque, non connessi con l'attività lavorativa o professionale loro affidata o svolta nell'ambito  della società.  

Rispetto della persona 

 La Società promuove il rispetto dell'integrità fisica e culturale della persona e il rispetto della  dimensione di relazione con gli altri. Garantisce condizioni di lavoro rispettose della dignità  individuale ed ambienti di lavoro sicuri ed applica ai propri dipendenti la legislazione ed i contratti  di lavoro vigenti, rifiutando politiche aziendali di modern slavery.  

 La società ha fatto propri i principi della Raccomandazione della Commissione Europea  93/131/CEE del 27 novembre 1991, nella redazione del presente Codice Etico.  

Prevenzione dei conflitti di interesse 

 Al fine di evitare situazioni anche potenziali di conflitto di interesse la Società, al momento di  assegnare incarichi o di avviare rapporti di lavoro, richiede ai propri Amministratori, dipendenti e  collaboratori a vario titolo di sottoscrivere una apposita dichiarazione che esclude la presenza di  condizioni di conflitto di interesse tra singolo e società.  

 Lormar s.r.l. richiede peraltro che chiunque abbia notizia di situazione di conflitto di interesse  ne dia tempestiva comunicazione all'Organismo di Vigilanza. 

Tutela dell'ambiente, della sicurezza e sviluppo sostenibile 

 L'ambiente è un bene primario che Lormar salvaguarda, nel rispetto dei principi dello sviluppo  sostenibile, oltre che della pura osservanza della normativa in materia ambientale (tra cui il T.U.  Ambiente, D.Lgs. 152/2006).  

 A tale fine la Società programma le proprie attività cercando un continuo equilibrio tra  iniziative economiche ed esigenze sociali ed ambientali, e diffonde la cultura della sicurezza e della  prevenzione dei rischi presso tutti gli stakeholders.  

Tutela dei consumatori e, comunque, dei fruitori dei propri prodotti 

 Lormar s.r.l. ritiene di primaria importanza garantire ai destinatari finali dei propri prodotti un  elevato standard qualitativo degli stessi.  

 A tal fine la Società delinea e cura con particolare attenzione tutte le fasi di 

6  

approvvigionamento dei materiali utilizzati per la lavorazione, attraverso una oculata scelta dei  fornitori, dei quali viene conservato in Azienda un elenco periodicamente aggiornato.  

NORME DI COMPORTAMENTO 

Soci 

 Lormar s.r.l. crea le condizioni affinché la partecipazione dei soci alle decisioni di loro  competenza sia diffusa e consapevole, promuove la parità e la completezza di informazione e tutela  il loro interesse.  

 Il sistema di corporate governance adottato dalla società è conforme a quanto previsto dalla  Legge ed è principalmente indirizzato a:  

- realizzare la massima trasparenza nei confronti degli stakeholders dell'impresa;  - controllare i rischi;  

- rispondere alle aspettative legittime dei soci;  

- evitare qualsiasi tipo di operazione in pregiudizio dei creditori.  

Informativa societaria 

 Lormar s.r.l. assicura la tenuta delle scritture contabili, la formazione e redazione del bilancio di  esercizio, delle relazioni, dei prospetti, delle comunicazioni sociali in genere e di quant'altro  richiesto per il suo funzionamento, in conformità alle disposizioni di legge, ai principi, alle norme  tecniche vigenti.  

 La Società vigila a tal fine sull'operato dell'Organo amministrativo, dei funzionari, o delle  persone sottoposte alla loro vigilanza a qualsiasi titolo coinvolte nelle attività di formazione della  contabilità, del bilancio o di altri documenti similari.  

 Lormar s.r.l. favorisce una corretta e tempestiva informazione a tutti gli organi e alle funzioni  interessate in ordine alla formazione del bilancio, del bilancio di esercizio, delle relazioni, dei  prospetti, delle comunicazioni sociali in genere e di quant'altro richiesto per il suo funzionamento,  in conformità alle disposizioni di legge, ai principi, alle norme tecniche vigenti. Determina altresì la  corretta collaborazione tra i predetti organi e le funzioni aziendali e favorisce i previsti controlli da  parte degli organi e delle funzioni competenti.  

 Ogni operazione e transazione viene correttamente autorizzata, effettuata e registrata, e ne  viene conservata traccia in modo da consentirne l'agevole tracciabilità, una precisa registrazione  contabile e l'individuazione dei diversi livelli di responsabilità, nonché la ricostruzione accurata  dell'operazione, anche per ridurre la probabilità di errori interpretativi. 

7  

Risorse umane 

 Lormar s.r.l. riconosce la centralità delle risorse umane, della loro salute psicofisica e  l'importanza di stabilire e mantenere relazioni basate sulla lealtà e sulla fiducia reciproca. In questo  senso si intendono come risorse umane sia i dipendenti, sia i collaboratori che prestano la loro opera  a favore della Società in forme contrattuali diverse da quella del lavoro subordinato.  

 Tutti i dipendenti/collaboratori si impegnano ad agire lealmente al fine di rispettare gli obblighi  assunti dal contratto di lavoro e da quanto previsto dal presente Codice Etico, assicurando le  prestazioni che sono loro richieste e rispettando gli impegni assunti.  

Selezione del personale e costituzione del rapporto di lavoro. 

 La valutazione del personale da assumere è effettuata in base alla corrispondenza dei profili dei  candidati rispetto a quelli attesi ed alle esigenze della società, nel rispetto dei principi  dell'imparzialità e delle pari opportunità per tutti i soggetti interessati.  

 Tutto il personale viene assunto con regolare contratto di lavoro; non è consentita alcuna forma  di lavoro irregolare o in nero.  

 Nel momento in cui inizia la collaborazione, anche quando questa sia sotto forma di stage, il  dipendente/collaboratore riceve esaurienti informazioni riguardo le caratteristiche delle mansioni e  delle funzioni, gli elementi normativi retributivi e le normative e i comportamenti per la gestione  dei rischi connessi alla salute personale. Il dipendente/collaboratore viene altresì adeguatamente  formato in relazione al tipo di mansioni che egli dovrà svolgere.  

Politiche di gestione delle risorse umane. 

 È proibita qualsiasi forma di discriminazione nei confronti delle persone.   Tutte le decisioni prese nell'ambito della gestione e dello sviluppo delle risorse umane sono  basate su considerazioni di profili di merito e/o corrispondenza tra profili attesi e profili posseduti  dai collaboratori. Lo stesso vale per l'accesso a ruoli o incarichi diversi.  

 Nella gestione dei rapporti gerarchici l'autorità è esercitata con equità e correttezza, evitandone  ogni abuso. Costituisce abuso della posizione di autorità richiedere, come atto dovuto al superiore  gerarchico, prestazioni, favori personali e qualunque comportamento che configuri una violazione  del presente Codice.  

 Le risorse umane sono valorizzate pienamente mediante l'attivazione delle leve disponibili per  favorire il loro sviluppo e la loro crescita.  

 Le funzioni competenti devono pertanto: 

8  

- provvedere a selezionare, assumere, formare, retribuire e gestire i dipendenti o collaboratori senza  discriminazione alcuna;  

- creare un ambiente di lavoro nel quale caratteristiche personali non possano dare luogo a  discriminazioni;  

- adottare criteri di merito, di competenza e comunque strettamente professionali per qualunque  decisione relativa a un dipendente o collaboratore.  

Salute, sicurezza e ambiente 

 Lormar s.r.l. promuove e diffonde la cultura della sicurezza sul lavoro e della salvaguardia  ambientale, sviluppando la consapevolezza della gestione dei rischi, promuovendo comportamenti  responsabili e preservando, soprattutto con azioni preventive, la salute e la sicurezza di tutti i  dipendenti e collaboratori, la salubrità dei luoghi di lavoro ed il rispetto dell'ambiente in tutte le sue  componenti.  

 Tutti gli operatori in Lormar s.r.l. (soci, dirigenti, dipendenti e collaboratori) sono tenuti allo  scrupoloso rispetto delle norme e degli obblighi derivanti dalla normativa di riferimento in tema di  salute, sicurezza, salubrità del posto di lavoro e tutela ambientale, nonché all'adozione ed al pieno  rispetto di tutte le misure e le procedure in tema di salute, sicurezza e ambiente previste dal sistema  di valutazione della sicurezza e dalla tutela ambientale e dai regolamenti interni.  

 Lormar s.r.l. si è inoltre dotata di un apposito Protocollo, da intendersi allegato al Modello,  riguardante le politiche aziendali di c.d. distanziamento sociale, in ottemperanza al “Protocollo  condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del  virus Covid-19 negli ambienti di lavoro”, siglato dal Governo con le parti sociali nel mese di marzo  2020.  

Gestione delle informazioni e privacy 

 La privacy dei dipendenti e dei collaboratori è tutelata nel rispetto della normativa di  riferimento, ora adeguata al citato Regolamento europeo, anche attraverso standard operativi che  specificano le informazioni ricevute e le relative modalità di trattamento e di conservazione. È  esclusa ogni indagine sulle idee, le preferenze, i gusti personali e la vita privata delle persone.  

 I dipendenti/collaboratori sono tenuti a conoscere ed attuare quanto previsto dalle politiche  della Società in tema di sicurezza delle informazioni, per garantirne l'integrità, la riservatezza e la  disponibilità.  

 È obbligo di ogni dipendente/collaboratore assicurare la riservatezza richiesta dalle circostanze  per ciascuna notizia appresa in ragione della propria funzione lavorativa. 

9  

Conflitti di interessi 

 Ogni dipendente/collaboratore di Lormar s.r.l. è tenuto ad evitare tutte le situazioni e tutte le  attività in cui possa manifestarsi un conflitto con gli interessi della Società o che possano interferire  con la propria capacità di assumere, in modo imparziale, decisioni nel migliore interesse  dell'impresa e nel pieno rispetto delle norme del Codice Etico. Deve, inoltre, astenersi dal trarre  vantaggio personale da atti di disposizione dei beni sociali o da opportunità d'affari delle quali è  venuto a conoscenza nel corso dello svolgimento delle proprie funzioni.  

 Lormar s.r.l. riconosce e rispetta il diritto dei propri dipendenti e collaboratori a partecipare ad  investimenti, affari o ad attività di altro genere al di fuori di quelle svolte nell'interesse della  Società, purché si tratti di attività consentite dalla legge e dalle norme contrattuali e compatibili con  gli obblighi assunti in qualità di dipendenti e collaboratori.  

 Ogni situazione che possa costituire o determinare un conflitto di interesse deve essere  tempestivamente comunicata da ogni dipendente/collaboratore al proprio superiore o referente  aziendale, o all'OdV preposto alla vigilanza sul Codice Etico. In particolare, tutti i dipendenti e  collaboratori di Lormar s.r.l. sono tenuti ad evitare conflitti di interessi tra le attività economiche  personali e familiari e le mansioni che ricoprono all'interno della struttura di appartenenza. A titolo  esemplificativo, ma non esaustivo, determinano conflitti di interesse le seguenti situazioni:  

- svolgere funzioni di vertice (Organo amministrativo, consigliere, responsabile di funzione) e avere  interessi economici e finanziari presso fornitori, clienti, concorrenti o partner commerciali di  Lormar s.r.l.;  

- utilizzare la propria posizione all'interno della Società o le informazioni acquisite nel proprio  lavoro in modo che si possa creare conflitto tra i propri interessi personali e gli interessi della  Società;  

- svolgere attività lavorative, di qualsiasi tipo, presso clienti, fornitori, concorrenti;  - accettare od offrire denaro, favori od utilità da persone o aziende che sono o intendono entrare in  rapporti di affari con Lormar s.r.l.  

 Nel caso in cui si manifesti anche solo l'apparenza di un conflitto di interessi, il collaboratore è  tenuto ad informare i propri responsabili e/o l'Organismo di Vigilanza. 

Utilizzo e salvaguardia dei beni materiali ed immateriali della Società 

 Ogni dipendente/collaboratore è tenuto ad operare con la dovuta cura e diligenza per tutelare i  beni di proprietà della Società, attraverso comportamenti responsabili e in linea con le procedure  operative predisposte per regolarne l'utilizzo, documentando, ove opportuno, il loro impiego. 

10  

 Ogni dipendente/collaboratore è responsabile della protezione delle risorse a lui affidate,  compresi i DPI (anche, ovviamente, sanitari), ed ha il dovere di informare tempestivamente le  strutture preposte riguardo ad eventuali minacce o eventi dannosi per la Società stessa o per i suoi  beni.  

In particolare:  

- ogni dipendente/collaboratore è tenuto ad evitare usi impropri che possano causare costi indebiti,  danni o riduzioni di efficienza o che comunque contrastino con l'interesse della Società;  - ogni dipendente/collaboratore è tenuto ad adottare scrupolosamente quanto previsto dalle politiche  e procedure interne, al fine di non compromettere la funzionalità, la protezione e la sicurezza dei  sistemi informatici, delle apparecchiature e degli impianti della società;  

- ogni dipendente/collaboratore è tenuto ad operare sempre nel rispetto delle norme di sicurezza  previste dalla Legge e dalle procedure interne, al fine di prevenire possibili danni a cose, persone o  all'ambiente;  

- ogni dipendente/collaboratore è tenuto ad utilizzare i beni della Società, di qualsiasi tipo o valore,  nel rispetto della Legge o delle norme interne;  

- tutti i beni di proprietà della Società sono da utilizzare esclusivamente per scopi connessi e  strumentali all'esercizio dell'attività lavorativa e, comunque, è vietato, salvo quando previsto da  norme specifiche, l'utilizzo o la cessione dei beni stessi da parte di terzi o a terzi, anche  temporaneamente;  

- ogni dipendente/collaboratore è tenuto a collaborare nei limiti del possibile al fine di ridurre i  rischi di furti, danneggiamenti ed altre minacce ai beni ed alle risorse assegnate o presenti,  informando in modo tempestivo le funzioni preposte in caso di situazioni anomale (modello  segnalazione lavoratori).  

 Ogni dipendente/collaboratore è tenuto a conoscere le norme contenute nel Codice Etico e le  norme di riferimento che regolano l'attività svolta nell'ambito della sua funzione, derivanti dalla  legge, dalle procedure previste dal sistema di valutazione della sicurezza e di Tutela Ambientale o  da regolamenti interni e di categoria.  

 Ogni dipendente/collaboratore deve altresì accettare in forma esplicita i propri impegni  derivanti dal presente Codice Etico, nel momento di costituzione del rapporto di lavoro o di prima  diffusione del Codice.  

 In particolare, i dipendenti/collaboratori hanno l'obbligo di:  

• astenersi da comportamenti contrari alle norme contenute nel Codice;  

• rivolgersi ai propri superiori, referenti aziendali o all’OdV, in caso di richiesta di chiarimenti sulle  modalità di applicazione dello stesso; 

11  

• riferire tempestivamente ai superiori, ai referenti aziendali o all’OdV qualsiasi notizia, di diretta  rilevazione o riportata da altri, in merito a possibili sue violazioni e qualsiasi richiesta gli sia stata  rivolta al fine di violarlo;  

• collaborare con le strutture deputate a verificare le possibili violazioni;  

• informare adeguatamente ogni terza parte con la quale vengano in contatto nell’ambito  dell’attività lavorativa circa l’esistenza del Codice e gli impegni ed obblighi imposti dallo stesso ai  soggetti esterni;  

• esigere il rispetto degli obblighi che riguardano direttamente la loro attività;  • adottare le opportune iniziative interne e, se di propria competenza, esterne in caso di mancato  adempimento da parte di terzi dell'obbligo di conformarsi alle norme del Codice. 

Clienti e Fornitori 

 Lo stile di comportamento della Società nei confronti dei clienti e dei fornitori è improntato  alla disponibilità, al rispetto e alla cortesia, nell’ottica di un rapporto collaborativo e di elevata  professionalità.  

 Lormar s.r.l. persegue la propria missione attraverso l'offerta di servizi di qualità, a  condizioni competitive e nel rispetto di tutte le norme poste a tutela della leale concorrenza.   È fatto obbligo ai dipendenti e collaboratori della Società di:  

• fornire, con efficienza, cortesia e tempestività, nei limiti delle previsioni contrattuali, servizi di alta  qualità, che soddisfino le ragionevoli aspettative e necessità del cliente;  

• fornire, ove necessario, nei modi e nelle forme previste dalle politiche aziendali, accurate ed  esaurienti informazioni circa i prodotti ed i servizi della Società, in modo che il cliente possa  assumere decisioni consapevoli;  

• attenersi a verità nelle comunicazioni pubblicitarie o di altro genere.  

 Il rapporto corretto e trasparente con i clienti e fornitori rappresenta un aspetto rilevante del  successo della Società.  

 La selezione dei fornitori e la determinazione delle condizioni di acquisto avvengono sulla  base di parametri obiettivi quali - primo fra tutti - la qualità, la convenienza, il prezzo, la capacità e  l’efficienza.  

 Per Lormar s.r.l. sono, quindi, requisiti di riferimento:  

• la professionalità dell’interlocutore;  

• la disponibilità, opportunamente documentata, di mezzi, anche finanziari, strutture organizzate,  capacità e risorse progettuali, know-how, etc.;  

• l’esistenza ed effettiva attuazione di sistemi di qualità, sicurezza e ambiente. 

12  

 Nei rapporti di appalto, di approvvigionamento e, in genere, di fornitura di beni e servizi,  Lormar s.r.l.:  

• adotta, nella selezione del fornitore, i criteri di valutazione previsti dalle procedure esistenti, in  modo oggettivo e trasparente;  

• non preclude ad alcuno, in possesso dei requisiti richiesti, la possibilità di competere alla stipula di  contratti, adottando nella scelta dei candidati criteri oggettivi e documentabili;  • osserva le condizioni contrattualmente previste;  

• mantiene un dialogo franco ed aperto con i fornitori, in linea con le buone consuetudini  commerciali.  

 Nei rapporti di affari con i clienti e fornitori sono vietate dazioni, benefici (sia diretti che  indiretti), omaggi, atti di cortesia e di ospitalità, salvo che siano di natura e valore tali da non  compromettere l’immagine della Società e da non poter essere interpretati come finalizzati ad  ottenere un trattamento di favore che non sia determinato dalle regole di mercato. In ogni caso,  eventuali omaggi, atti di cortesia e di ospitalità che esulino dalla normalità devono essere  comunicati e sottoposti alla decisione dell'Organo Amministrativo.  

 Il dipendente che riceva doni o trattamenti di favore da clienti o fornitori che travalichino gli  ordinari rapporti di cortesia, deve immediatamente avvertirne la Direzione, che, dopo le opportune  verifiche, prenderà i provvedimenti opportuni.  

 La stipula di un contratto con un fornitore o con un cliente e la gestione dei contatti con gli  stessi si basano su rapporti di estrema chiarezza, evitando, per quanto possibile, eccessi di reciproca  dipendenza.  

 Per garantire la massima trasparenza ed efficienza del processo di acquisto, Lormar s.r.l.  predispone:  

• un’adeguata rintracciabilità delle scelte adottate;  

• la conservazione delle informazioni, nonché dei documenti contrattuali per i periodi stabiliti dalle  normative vigenti.  

 Nella prospettiva di conformare l’attività di approvvigionamento di beni e servizi ai principi  etico-ambientali di riferimento, la Società potrà richiedere, per particolari forniture, requisiti di tipo  sociale, di salvaguardia ambientale e della sicurezza sul lavoro. A tal fine, nei singoli contratti  potranno essere predisposte apposite clausole.  

 La Società, inoltre, ed analogamente a quanto accade per i fornitori, conserva un registro  clienti periodicamente aggiornato. 

Qualità, provenienza e origine dei prodotti.

13  

Lormar s.r.l. promuove ed attua un sistema di controllo efficiente e costantemente  aggiornato, che consenta di garantire alla clientela la quantità, la qualità, la provenienza e l'origine  dei materiali utilizzati nella produzione dei propri prodotti. 

Ambiente e sicurezza 

 Lormar s.r.l. considera di elevata rilevanza le tematiche connesse all’ambiente ed alla  sicurezza sul lavoro.  

 A tal fine nella gestione delle attività aziendali la Società si è dotata di un sistema orientato  alla salvaguardia di salute e sicurezza sul lavoro e di tutela ambientale, perseguendo il  miglioramento continuo delle condizioni di salute e di sicurezza sul lavoro e di rispetto per  l'ambiente.  

 La ricerca e l'innovazione tecnologica sono dedicate in particolare alla promozione di  prodotti, attività e processi il più possibile compatibili con l'ambiente e con la sicurezza e la salute  degli operatori.  

 I dipendenti/collaboratori, nell'ambito delle proprie mansioni, partecipano al processo di  prevenzione dei rischi, di salvaguardia dell'ambiente e di tutela della salute e della sicurezza nei  confronti di sé stessi, dei colleghi e dei terzi.  

 In particolare, Lormar s.r.l., anche attraverso la collaborazione attiva dei suoi  dipendenti/collaboratori, tramite un sistema di valutazione della sicurezza aziendale, nonché  adeguandosi a quanto previsto dal Documento di Valutazione dei Rischi.  

- promuove ed attua ogni ragionevole iniziativa finalizzata a minimizzare i rischi ed a rimuovere le  cause che possano mettere a repentaglio la sicurezza e la salute delle persone, nonché pregiudicare  l'integrità dell'ambiente in tutte le sue componenti;  

- presta continua attenzione ed impegno al miglioramento della propria performance ambientale,  minimizzando l’impatto negativo sull’ambiente e operando un utilizzo consapevole e responsabile  delle risorse naturali;  

- valuta in anticipo gli impatti sull'ambiente, la salute e la sicurezza dei lavoratori di tutte le nuove  attività e processi aziendali;  

- collabora con i propri stakeholders, sia interni (es. dipendenti), sia esterni (es. istituzioni), per  ottimizzare la gestione dei profili relativi alle tematiche sulla Salute, Sicurezza e Ambiente;  - mantiene elevati standard di sicurezza e tutela dell’ambiente attraverso l’implementazione di  adeguati sistemi di gestione e monitoraggio.  

 A tal fine, tutti i dipendenti/collaboratori hanno potuto frequentare con successo dei corsi di  formazione e aggiornamento in materia di salute e sicurezza sul lavoro, conformemente a quanto 

14  

previsto dal D. Lgs. 81/2008. Gli attestati ed i certificati di partecipazione vengono, inoltre,  conservati dalla Società.  

Collettività 

 Lormar s.r.l. è consapevole degli effetti della propria attività sul contesto di riferimento,  sullo sviluppo economico e sociale e sul benessere generale della collettività e pone attenzione, nel  proprio operato, a contemperarne gli interessi.  

 In particolare, Lormar s.r.l. si impegna a salvaguardare, utilizzando gli ultimi ritrovati  tecnologici ed attenendosi scrupolosamente alle procedure imposte dalla normativa, la salute  pubblica e la salubrità di luoghi, persone e prodotti.  

 Lormar s.r.l. ritiene che il dialogo con gli stakeholders sia di importanza strategica per un  corretto sviluppo della propria attività e instaura, ove possibile, un canale stabile di dialogo con le  associazioni di rappresentanza dei propri stakeholders, allo scopo di cooperare nel rispetto dei  reciproci interessi. 

Rapporti con organizzazioni politiche e sindacali 

 Lormar s.r.l. si astiene dal fornire qualsiasi contributo, diretto o indiretto, sotto qualsiasi  forma, a partiti, movimenti, comitati ed organizzazioni politiche e sindacali, a loro rappresentanti e  candidati, tranne quelli dovuti in base a specifiche disposizioni di legge. 

Rapporti con le realtà no-profit 

 Lormar s.r.l. considera con favore e, se del caso, fornisce sostegno ad iniziative sociali e  culturali orientate alla promozione della persona ed al miglioramento della qualità di vita.  

Rapporti con i mass media e diffusione delle informazioni 

 I rapporti con la stampa, i mezzi di comunicazione ed informazione e, più in generale, gli  interlocutori esterni, devono essere tenuti solo da soggetti espressamente a ciò delegati, in  conformità alle procedure adottate dalla Società.  

 Le comunicazioni verso l’esterno seguono i principi guida della verità, correttezza,  trasparenza, prudenza e sono volte a favorire la conoscenza delle politiche aziendali e dei  programmi e dei progetti della Società.  

 I rapporti con i mass media sono improntati sulla base di questi principi e sono riservati  esclusivamente alle funzioni e alle responsabilità a ciò delegate.  

 I dipendenti/collaboratori non possono fornire informazioni all’esterno, né impegnarsi a 

15  

fornirle, senza l'autorizzazione delle funzioni competenti.  

 In nessun modo o forma i dipendenti/collaboratori possono offrire pagamenti, regali, o altri  vantaggi finalizzati ad influenzare l'attività professionale di funzioni dei mass media, o che possano  ragionevolmente essere interpretati come tali.  

Rapporti con la Pubblica Amministrazione 

 I rapporti attinenti all’attività della Società intrattenuti con pubblici ufficiali o incaricati di  pubblico servizio (che operino per conto della Pubblica Amministrazione, centrale e periferica, o di  organi legislativi, delle istituzioni comunitarie, di organizzazioni pubbliche internazionali e di  qualsiasi Stato estero), con la magistratura, con le autorità pubbliche di vigilanza e con altre autorità  indipendenti, nonché con partners privati concessionari di un pubblico servizio, devono essere  intrapresi e gestiti nell’assoluto e rigoroso rispetto delle leggi e delle normative vigenti, dei principi  fissati nel Codice Etico e nei protocolli interni del Modello, in modo da non compromettere  l’integrità e la reputazione di entrambe le parti. A tal fine, l’assunzione di impegni con le Pubbliche  Amministrazioni e le Istituzioni Pubbliche è riservata esclusivamente alle funzioni preposte ed  autorizzate che le svolgeranno nel dovuto rispetto delle leggi e dei principi del Codice Etico e nella  completa osservanza dei protocolli interni di cui al Modello.  

 Lormar s.r.l. vieta, ai propri dipendenti, collaboratori o rappresentanti e, più in generale, a  tutti coloro che operano nel proprio interesse, in proprio nome o per proprio conto di accettare,  promettere od offrire, anche indirettamente, denaro, doni, beni, servizi, prestazioni o favori non  dovuti (anche in termini di opportunità di impiego) in relazione a rapporti intrattenuti con pubblici  ufficiali, incaricati di Pubblico Servizio o i dipendenti, in genere, della Pubblica Amministrazione o  di altre Pubbliche Istituzioni, o soggetti privati, per influenzarne le decisioni, in vista di trattamenti  più favorevoli o prestazioni indebite o per qualsiasi altra finalità.  

 Qualsiasi dipendente che riceva direttamente o indirettamente richieste o offerte di denaro o  di favori di qualunque tipo (ivi compresi ad es. omaggi o regali di non modico valore) formulate  indebitamente a coloro, o da coloro, che operano per conto della Società nel contesto dei rapporti  con pubblici funzionari, incaricati di pubblico servizio o dipendenti in genere della Pubblica  Amministrazione (italiana o di altri paesi esteri) o di altre Pubbliche Istituzioni, o con soggetti  privati (italiani o esteri), deve immediatamente riferire all’Organismo di Vigilanza e alla Direzione  Amministrativa competente per l’assunzione dei provvedimenti conseguenti.  

 Ogni rapporto con le istituzioni dello Stato o internazionali è, pertanto, riconducibile  esclusivamente a forme di comunicazione volte a esplicitare l’attività della Società, a rispondere a  richieste o ad atti di sindacato ispettivo (interrogazioni, interpellanze), o comunque a rendere nota la 

16  

posizione della Società su temi rilevanti.  

 A tal fine, Lormar s.r.l.:  

- opera, senza alcun tipo di discriminazione, attraverso i canali di comunicazione a ciò preposti con  gli interlocutori istituzionali;  

- rappresenta i propri interessi e posizioni in maniera trasparente, rigorosa e coerente, evitando  atteggiamenti di natura collusiva;  

- evita falsificazioni e/o alterazioni dei rendiconti o dei dati documentali al fine di ottenere un  indebito vantaggio o qualsiasi altro beneficio per la Società ed evita destinazioni di fondi pubblici a  finalità diverse da quelle per cui si sono ottenuti. 

SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO E MODALITA’ DI ATTUAZIONE DEL CODICE  ETICO  

Sistema di controllo interno 

 È politica della Società diffondere a tutti i livelli una cultura caratterizzata dalla  consapevolezza dell'esistenza dei controlli e dall’assunzione di una mentalità orientata all'esercizio  del controllo. L'attitudine verso i controlli deve essere positiva per il contributo che questi danno al  miglioramento dell'efficienza. Per controlli interni si intendono tutti gli strumenti necessari o utili a  indirizzare, gestire e verificare le attività dell'impresa con l'obiettivo di assicurare il rispetto delle  leggi e delle procedure, proteggere i beni della Società e la salute/sicurezza delle persone, gestire  efficientemente le attività e fornire dati contabili e finanziari accurati e completi, tutelare i  consumatori e garantire la qualità dei prodotti messi in commercio.  

 Il sistema di controllo interno nel suo insieme deve ragionevolmente consentire:  - il rispetto delle leggi vigenti e del Codice Etico;  

- il rispetto delle strategie e delle politiche della Società;  

- la tutela dei beni della Società, materiali e immateriali;  

- l’efficacia e l’efficienza della gestione;  

- l’attendibilità delle informazioni finanziarie, contabili e gestionali interne ed esterne;  - l’efficacia delle politiche di responsabilità aziendale adottate.  

 La responsabilità di realizzare un sistema di controllo interno efficace è comune a ogni  livello della struttura organizzativa; conseguentemente, tutti i collaboratori, nell'ambito delle  funzioni svolte, sono responsabili della definizione e del corretto funzionamento del sistema di  controllo.

17  

Organismo di Vigilanza sul Codice Etico 

 È compito dell'Organismo di Vigilanza svolgere il controllo sul Codice Etico; in particolare  detto organo dovrà (oltre a quanto previsto dal Modello):  

- monitorare l’applicazione del Codice Etico da parte dei soggetti interessati, attraverso  l’applicazione di specifici compliance programs, e accogliendo eventuali segnalazioni fornite dagli  stakeholders interni ed esterni;  

- relazionare periodicamente all'Organo amministrativo sui risultati dell’attività svolta, segnalando  eventuali violazioni del Codice di significativa rilevanza;  

- esprimere pareri in merito alla revisione delle più rilevanti politiche e procedure, allo scopo di  garantirne la coerenza con il Codice Etico;  

- provvedere, ove necessario, alla proposta di revisione periodica del Codice Etico.   È causa di ineleggibilità ad OdV l'aver subito condanne penali definitive o essere stato  condannato con sentenza irrevocabile di applicazione della pena. 

Comunicazione e formazione 

 Il Codice Etico è portato a conoscenza di tutti i soggetti interessati interni ed esterni  mediante apposite attività di comunicazione, quali, a titolo esemplificativo, la consegna dello stesso  al momento dell'assunzione della carica di amministratore o dirigente; al momento della stipula del  contratto di lavoro, di rappresentanza o di collaborazione; nonché attraverso la pubblicazione del  Codice Etico in apposite bacheche aziendali, e telematiche (intranet ed internet).  

 Allo scopo di assicurare la corretta comprensione del Codice Etico, il Responsabile del  personale predispone e realizza, anche in base alle eventuali indicazioni dell’Organismo di  Vigilanza sul Codice, un piano periodico di comunicazione/formazione (a cadenza annuale o  biennale) volto a favorire la conoscenza dei principi e delle norme etiche contenute nel Codice. Le  iniziative di formazione possono essere differenziate secondo il ruolo e la responsabilità dei  collaboratori.  

Segnalazione dei soggetti interessati 

 La Società provvede a stabilire canali di comunicazione attraverso i quali i soggetti  interessati potranno rivolgere le proprie segnalazioni in merito al Codice o a sue eventuali  violazioni (modulo segnalazioni).  

 In alternativa, tutti i soggetti interessati possono segnalare, per iscritto e in forma anche  anonima, ogni violazione o sospetto di violazione del Codice Etico all'Organismo di Vigilanza, che  provvede ad un'analisi della segnalazione, ascoltando eventualmente l'autore e il responsabile della 

18  

presunta violazione. L’Organismo di Vigilanza agisce in modo da garantire i segnalanti contro  qualsiasi tipo di ritorsione, intesa come atto che possa dar adito anche al solo sospetto di essere una  forma di discriminazione o penalizzazione. È inoltre assicurata la riservatezza dell'identità del  segnalante, fatti salvi gli obblighi di legge.  

Violazioni del Codice Etico 

 In caso di accertata violazione del Codice Etico, l’Organismo di Vigilanza riporta la  segnalazione e gli eventuali suggerimenti ritenuti necessari all’Organo amministrativo attraverso le  procedure che la Società adotta per le segnalazioni di tutte le non conformità (modulo di  segnalazione), violazioni inerenti al presente Codice, del Modello e delle procedure in essi  contenute. Nel caso tali violazioni riguardino gli stessi amministratori, l'Organismo di Vigilanza  riporterà la segnalazione all'Assemblea dei Soci.  

 Le competenti funzioni, attivate dagli organi di cui sopra, definiscono i provvedimenti da  adottare secondo le normative in vigore, ne curano l'attuazione e riferiscono l'esito all’OdV.  

Linee guida del sistema sanzionatorio 

 La violazione dei principi fissati nel Codice Etico e nelle procedure previste dai protocolli  interni di cui al Modello compromette il rapporto fiduciario tra la Società ed i propri amministratori,  dipendenti, consulenti, collaboratori a vario titolo, clienti, fornitori, partners commerciali e  finanziari. In particolare, l'osservanza delle disposizioni del presente Codice Etico, nonché delle  procedure contenute nel Modello, deve considerarsi parte essenziale dell'obbligazione contrattuale  dei dipendenti, ex art. 2104 C.C., cosicché la violazione delle disposizioni di che trattasi potrà  costituire inadempimento delle obbligazioni del rapporto di lavoro e/o illecito disciplinare, in  conformità alle procedure ex art. 7 dello Statuto dei Lavoratori e alla contrattazione collettiva  applicabile. L'osservanza del presente Codice Etico è parte integrante delle obbligazioni contrattuali  assunte dagli altri destinatari (amministratori, rappresentanti, fornitori etc...), con la conseguenza  che l'eventuale violazione delle disposizioni ivi contenute o delle procedure previste dal Modello,  potrà considerarsi inadempimento contrattuale, con ogni conseguenza di legge, quali la risoluzione  del contratto o dell'incarico conferito, nonché il risarcimento dei danni.  

 Tali violazioni saranno dunque perseguite da Lormar s.r.l. incisivamente, con tempestività ed  immediatezza, attraverso i provvedimenti disciplinari previsti nel Modello, in conformità con  quanto stabilito dall'art. 7 dello Statuto dei Lavoratori e dai contratti collettivi applicabili, in modo  adeguato e proporzionale, indipendentemente dall’eventuale rilevanza penale di tali comportamenti  e dall’instaurazione di un procedimento penale nei casi in cui essi costituiscano reato. 

19  

 Gli effetti della violazione del Codice Etico e delle procedure di cui al Modello devono  essere tenuti in seria considerazione da tutti coloro che a qualsiasi titolo intrattengono rapporti con  Lormar s.r.l.: a tal fine la Società provvede a diffondere il Codice Etico e le procedure interne,  nonché ad informare sulle sanzioni previste in caso di violazione e sulle modalità e procedure di  irrogazione. 

20